Criteri orientativi per la liquidazione del danno da mancato/carente consenso informato in ambito sanitario

Osservatorio sulla Giustizia civile di Milano-Gruppo Danno alla persona

L’Osservatorio sulla Giustizia civile di Milano-Gruppo Danno alla persona si è proposto di
raccogliere e studiare le sentenze di merito pronunciate in materia di mancato/carente consenso
informato in ambito medico con i seguenti obiettivi: analizzare gli importi liquidati ed i parametri
considerati dalla giurisprudenza nelle liquidazioni ed elaborare dei criteri orientativi da mettere a
disposizione degli operatori del diritto nell’ottica di agevolare l’uniformità e la prevedibilità delle
decisioni e quindi anche la soluzione conciliativa delle controversie. La ricerca è durata tre anni, dal 2018 ad oggi, ed è stata condotta da un gruppo di studio composto da circa 40 persone tra avvocati, magistrati, giudici onorari, mediatori, praticanti avvocati e ricercatori universitari.

Si è rilevato come i giudici abbiano indicato le seguenti circostanze (almeno 2 circostanze per sentenza, talora anche 3 o 4), per evidenziare la minore o maggiore intensità del vulnus arrecato al diritto all’autodeterminazione leso e da risarcire:
a) entità delle ricadute sul bene-salute del danneggiato del trattamento sanitario non preceduto da idoneo consenso informato (entità delle conseguenze del trattamento modesta/grave, irreversibilità o meno delle stesse, necessità o meno di altri trattamenti riparatori, sofferenza nocicettiva patita in conseguenza del trattamento): circostanza indicata in 24 sentenze;
b) caratteristiche del trattamento sanitario non preceduto da idoneo consenso informato (ad es.: più/meno invasivo, più/meno urgente, a scopo terapeutico/estetico, con tante/poche/nessuna alternativa terapeutica, poco/molto rischioso, off label, comportante donazione di organo da familiari, ecc.): circostanza indicata in 28 sentenze;
c) caratteristiche personali del danneggiato (maggiore/minore vulnerabilità per età/storia clinica/condizioni personali/stato psichico; rilevanza delle aspettative del paziente procreative/estetiche/ecc.; Testimone di Geova; ecc.): circostanza indicata in 16 sentenze;
d) entità della sofferenza del danneggiato conseguente alla compromissione della libertà di disporre di sé: circostanza indicata in 20 sentenze;
e) caratteristiche dell’inadempimento al dovere informativo (informazione mancante per uno o più trattamenti, informazione fornita ma con lievi/gravi carenze/riguardante diverso trattamento): circostanza indicata in 11 sentenze.

È emerso che 102 sentenze liquidano importi che variano da € 1.000,00 ad € 50.000.00, con una media aritmetica di € 9.983,00, arrotondati ad € 10.000,00.
Si è quindi suddiviso il campione (di 102 sentenze) secondo tre fasce liquidatorie monetarie, di consistenza omogenea per frequenza statistica degli importi liquidati: da € 1.000,00 ad € 4.000,00 (28 sentenze), da € 4.001,00 ad € 9.000,00 (29 sentenze) e da € 9.001,00 ad € 20.000,00 (35 sentenze), oltre una quarta fascia composta da una quota minoritaria di sentenze portanti liquidazioni del danno all’autodeterminazione di notevole entità (10 sentenze) rispetto alle altre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *